Rem IF – Capitolo 3 (prima parte)

Capitolo 3: 3 mesi (prima parte)

 

1

 

[Halibel: ──Tuttavia, mi ha davvero sorpreso. Il mio cuore ha quasi smesso di battere di nuovo.]

 

[Subaru: A tal riguardo…]

 

[Rem: Ci dispiace di averti dato problemi.]

 

Subaru e Rem erano quelli che stavano chinando le loro teste fianco a fianco nella stanza mentre sorgeva l’alba. Davanti a loro, c’era Halibel che li stava facendo scusare mentre con calma faceva un cenno con la testa.

 

Mise la mano dentro al kimono, mosse gli occhi mentre si grattava la testa, e fissò la parete della stanza con ammaccature e spacchi fatti causati da un uomo. Perlomeno, quei segni non stavano lì la scorsa notte.

 

[Habliel: Cosa è successo lì?]

 

[Subaru: Sono il risultato di una cerimonia per confermare che una coppia sposata è appena stata benedetta con una nuova vita…… forse.]

 

[Rem: Mi dispiace. Non mi sono riuscita a controllare molto bene, immagino che sia perché fossi così confusa.]

 

Subaru si asciugò la faccia con un asciugamano, mentre Rem teneva la testa penzoloni, mostrando rammarico.

 

In breve, le ammaccature sulla parete derivavano da Subaru che ci aveva sbattuto contro, e Rem era quello che lo aveva fatto accadere. Era successo proprio dopo che le era stato detto che fosse incinta e avevano condiviso la gioia di essere stati benedetti con un bambino.

 

[Subaru: Ieri è stato un continui di eventi scioccanti. Volevo assicurarmi che l’avere un figlio non fosse solo un sogno, così ho chiesto a Rem di colpirmi un po’ forte, ed è successo questo.]

 

Rem: *spallucce*

[Halibel: ……Be’, sono solo contento che non ci sei morto. Non sarei davvero stato in grado di riposare in pace altrimenti.]

 

Halibel commentò l’insolito modo della coppia sposata di parlare della felicità l’uno con l’altra, e distolse lo sguardo dalle ammaccature della parete. Dopo ciò, aprì leggermente uno dei suoi occhi a fessura e disse,

 

[Halibel: Comunque, parleremo del costo della riparazione della parete più tardi……]

 

[Subaru: Più tardi?]

 

[Halibel: C’è qualcosa di cui ho bisogno di parlare con voi, anche se non è niente una grande questione.]

 

Halibel, sedendo con le gambe incrociate sul suo tatami, cominciò a parlare mentre scuoteva su e giù il kiseru nella sua bocca.

 

Il modo in cui aveva introdotto l’argomento fece in qualche modo tornare a Subaru lo stesso nervosismo della scorsa notte. Il colpo di Rem riempito di amore aveva provato che la tumultuosa serie di eventi non era stata solo un sogno.

 

In breve, tutto questo non era solo un sogno, incluso ciò che aveva fatto Halibel la scorsa notte.

 

[Halibel: In breve, dire che sono un “Playboy” al manager dell’ufficio d’impiego era solo un travestimento.]

 

Halibel fece in maniera confidenziale una confessione sul suo conto, come per supportare i pensieri di Subaru. Il primo principale evento che era successo la mattina, continuando fino alla scorsa notte. Sembrava che ci fosse una scintilla di serietà negli occhi di Halibel──

 

[Subaru: Aspetta, no non c’è. E non è nemmeno dispiaciuto.]

 

[Halibel: Perché dovrei essere dispiaciuto? Non ho fatto niente di sbagliato, e ho anche protetto voi ragazzi.]

 

Dopo aver detto che c’era di più a riguardo, Halibel rispose a Subaru come avrebbe sempre voluto. Era molto nel suo stile essere distaccato e andare al suo ritmo. Lo aveva semplicemente accettato, siccome era strano e passava di punto in bianco ad avere un tono autoritario, come se la sua personalità fosse cambiata.

 

A ogni modo, mentre Subaru aggiustava la posizione di Rem sul futon che rifletteva su se stessa, disse,

 

[Subaru: Quindi riguardo a perché te ne sei uscito con questa rivelatrice, scioccante verità……]

 

[Rem: Mi dispiace, Halibel-sama. Io, uh, me l’ero in un modo o nell’altro immaginato.]

 

[Halibel: Cosaaa! Com’è imbarazzante! Se le cose stanno così, allora è davvero imbarazzante! Quanto è imbarazzante!]

 

Gli occhi di Subaru erano mezzi aperti, mentre Rem guardava in basso con imbarazzo. Sentendo le loro risposte, Halibel guardò in alto il soffitto, e sospirò drammaticamente aprendo la bocca e dicendo, “Diaaaaaamine.”

 

[Subaru: Aspetta. Sospiri roba come, “Diamine”, ma non dovresti essere famoso. In realtà, me l’ero immaginato in un modo o nell’altro a giudicare dalle reazioni delle persone intorno a te, ma non hai neanche provato a nascondere il tuo nome. Quindi essere scoperto e avere dei problemi sono cose che ti sei causato da solo.]

 

[Rem: Anche io ho sentito un sacco riguardo Halibel-sama “Il Grande”……così all’inizio ho pensato che ci stessi testando quando hai detto che eri un manager di case in affitto]

 

[Halibel: Ah, quindi sono stato scoperto fin dall’inizio. Povero me…]

 

[Subaru: Non povero te.]

 

Subaru realizzò in quel momento che era stato lasciato all’oscuro da quei due mentre faceva quella battuta.

Quanto si doveva essere sentita ansiosa Rem per non aver neanche detto a Subaru che avevano incontrato il più forte di Kararagi il primo giorno in cui si erano spostati? Era patetico per non essere al corrente di quanto si fosse sforzata Rem, sebbene avessero passato giorni tranquilli in questa città.

 

[Subaru: Avresti dovuto dirmelo. Rem, perché hai portato tutto il peso da sola?]

 

[Rem: Subaru-kun……]

 

Rem è sempre così. Sacrifica sempre se stessa più degli altri. Anche se stavano vivendo insieme ora, si sacrificava per Subaru.

 

Ed era per questo che si era presa tutto il peso sulle spalle affinchè la situazione non venisse rivelata, ancora una volta.

 

[Rem: Mi dispiace. Non sapevo il vero obbiettivo di Halibel-sama e……]

 

[Subaru: E?]

 

[Rem: Sei terribile a mentire. Non volevo provocare Halibel-sama dal momento in cui si sarebbe mostrato nel tuoi comportamento se ti avessi detto incautamente della sua identità……]

 

[Subaru: Così hai pensato in maniera molto realistica e non ti sei fidata di me!]

 

Subaru venne ricoperto dalle taglienti parole di Rem ancora e ancora, e così alzò la voce. Vedendolo fare così, Rem oscillò la sua mano in panico e disse, “Oh, hai capito male.”

 

[Rem: Mi fido di Subaru-kun. Davvero, le parole non sono abbastanza per me per descrivere quanto mi fido di te. Comunque, fidarmi di te e farti dare qualcosa che non sei capace a fare sono due questioni differenti.]

 

[Halibel: Più parli più mi dispiace per Su-san, quindi smettiamola adesso, possiamo?]

 

Rem disse la sua opinione realistica senza esitazione mettendo il suo amore illimitato e fiducia in quelle parole.

 

In realtà, Rem aveva ragione a essere preoccupata. Subaru non era così sicuro che avrebbe interagito con Halibel nello stesso modo dopo che lei gli avesse detto del suo soprannome.

 

Tuttavia, c’era qualcosa che doveva confermare per convincersi.

 

[Subaru: Potrebbe essere una domanda elementare, ma Hal-san è davvero la persona più forte a Kararagi? Sei sicuro che non ci sia qualcun altro nella tua famiglia, o un bravo, piccolo?]

 

[Rem: A tal riguardo……mi dispiace. Non sono totalmente sicura.]

 

[Halibel: Sono in una posizione un po’ imbarazzante ora che ve ne siete scusati.]

 

Rem si scusò in risposta alla constatazione inutile di Subaru, e ciò ferì Halibel.

 

[Halibel: Intendo, hai un problema con il fatto che sia il più forte o qualcosa di simile? Ascolta, io sono il più forte. O è quella situazione in cui vuoi troppo bene al vecchio me e non al vero me?]

 

[Subaru: Non è qualcosa di così disgustoso. È qualcosa di più idealistico. Una persona forte dovrebbe avere una forte personalità, qualcosa di questo tipo.]

 

[Halibel: Mi hai appena insultato!]

 

Halibel alzò la sua voce inaspettatamente per il ragionamento di Subaru. Tuttavia, in qualche modo era il più forte delle città-stato di Kararagi──era il più forte in uno dei quattro paesi più grandi.

 

Ovviamente avrebbe voluto che avesse un comportamento adeguato. Come quel “Santo della Spada” Reinhard van Astra che è un guerriero irrefrenabile nel regno di Lugnica.

 

[Subaru: ……Be’, immagino che sono semplicemente io che mi sto lasciando trasportare dal sentimento.]

 

[Halibel: Non è che non capisco il tuo punto, ma questo è ciò che ho fatto per un lungo periodo. Onestamente, non mi interessa così tanto di essere conosciuto come il più forte…….e non capisco perchè essere fieri di avere abilità in uno scontro diretto fino a quel punto.]

 

Mosse abilmente il kiseru nella sua bocca e disegnò un cerchio alla punta. L’attitudine di Halibel fece aggrottare a Subaru le sopracciglia, e inclinò la testa dicendo, “Essere forte in uno scontro diretto?”

 

[Halibel: Sono uno shinobi. La mia specialità è attaccare i punti deboli del mio avversario. Oh, ma i dettagli su come combattiamo sono informazioni riservate. Metterebbe a rischio la nostra esistenza. Mi dispiace, siamo quasi tutti morti ora, eccetto me.]

 

[Subaru: Non capisco davvero la tua battue sull’essere spazzati via. Inoltre, uno “shinobi”……]

 

[Haibel: Oh, le persone che vengono da fuori il paese potrebbero non capire. Per quanto riguarda essere uno shinobi beh… è quello. Cioè, come potrei dirlo? Sono ‘quello’. È un lavoro in cui non andrebbe bene se spiegassi ’quella’ parte.]

 

[Rem: Non sei stato specifico su niente……]

 

Rem scartò senza pietà la spiegazione di Halibel che mancava di un punto saliente. Dimenticandosi dei due, Subaru stava collegando “shinobi” con “shinobu” dentro la sua testa──in altre parole, lo aveva connesso ai ninja.

 

Passò dall’essere stupefatto per l’esisenza della cultura wasou e wafuu, dalle katana alle bacchette, e infine anche ai ninja. Per questo Subaru non aveva problemi a capirlo. Non ne aveva, ma proprio per questo la confessione di Halibel ora aveva un significato differente.

 

Stava oscurando varie parti della sua confessione scherzando, ma c’era della verità nel suo punto saliente.

 

──Cioè, ci sarebbero stati dei problemi dopo aver scoperto che fosse un ninja.

 

[Subaru: ────]

 

[Halibel: Su-san, sembri pallido, stai bene?]

 

[Subaru: Cosa vuoi da noi?]

 

Subaru, le cui guance si erano irrigidite per la cautela e il nervosismo, interrogò Halibel, che sedeva con le gambe incrociate. Accanto a lui anche Rem era stata influenzata dal suo nervosismo, e si strinse forte sulla coperta del futon. Halibel poteva diventare un nemico o un alleato, a seconda di come avrebbe agito dopo.

 

E se fosse diventato un loro nemico, Subaru non avrebbe avuto possibilità di vincere mentre teneva Rem, che era incinta.

 

[Halibel: Se, diciamo, in questa situazione, dicessi le vostre vite──cosa faresti?]

 

[Subaru: Io……]

 

[Halibel: ────]

 

[Subaru: Mi scuserei e direi che siamo stati vicini di casa per tutto questo tempo, Rem e io siamo degli sposini, lei è incinta e pregherei per le nostre vite disperatamente, appellandomi alle tue emozioni……probabilmente.]

 

[Halibel: Capisco.]

 

La voce e le espressioni facciali di Subaru erano davvero serie, e questa era la sua risposta alla domanda di Halibel. Dopo ciò, Halibel sospirò, e i suoi occhi si aprirono giusto leggermente per la sorpresa.

 

Comunque Rem, che aveva sentito la stessa dichiarazione di Halibel, sorrise alla risposta di Subaru. Allungò le braccia verso suo marito e tenne la sua mano libera come prova della sua fiducia.

 

Halibel vide quei due così uniti, e cambiò il modo in cui teneva il kiseru con le mani.

 

E poi──

 

[Halibel: ──Wahahaha! S─Su-san è così debole! Così sfigato! Fare quella faccia davanti a tua moglie, “fare appello alle mie emozioni”……ahahah!]

 

[Subaru: Stai ridendo davvero troppo!]

 

[Halibel: O─Ovviamente Io…riderei……ahh, hah…hah…hah…Sto per morire dal ridere……! Q─Quindi questo è quello che stavi provando a fare…un piano ingegnoso!]

 

[Subaru: È senza fondamenta, e ho risposto seriamente.]

 

[Halibel: Lo so, lo so.]

 

Dopo essersi sbellicato dalle risate, Halibel si asciutò le lacrime che gli erano scese per aver riso troppo forte. Poi, venendoo fissato dagli occhi contrariati di Subaru, l’uomo lupo alzò la mano e disse,

 

[Halibel: Hahh, amico quello mi ha fatto piegare dal ridere. Mi dispiace per aver riso. Ma puoi rilassarti. La situazione ipotetica era assolutamente ipotetica. Dopo tutto, anche se se davvero avessi avuto un lavoro in cui sarei stato nei guai fossi stato scoperto, sarebbe stato terribile agire senza cambiare almeno il mio nome.]

 

[Subaru: È─È vero.]

 

[Halibel: Inoltre, sarebbe troppo controproduttivo da parte mia sbarazzarmi di qualcuno che ho salvato. Se lo avessi fatto, mi sarei potuto allo stesso modo non scomodare a salvarvi ieri.]

 

[Subaru: ──]

 

Accennò all’attacco che era avvenuto la scorsa notte, facendo tremare Subaru che si ricordava della difficile siituazione.

 

In verità, se Halibel non fosse arrivato, Subaru non sarebbe vivo ora. Neanche il bambino dentro a Rem sarebbe vivo. Come se non bastasse, avrebbero perso il bambino senza scoprire mai della sua esistenza──

 

[Subaru: Mi dispiace davvero per dirlo così in ritardo. Hal-san……Halibel-san, grazie mille per ieri. Sei una salvezza. Hai salvato me, Rem, e il bambino dentro di lei.]

 

[Rem: Per favore, lascia che ti ringrazi anch’io. Grazie a te, non abbiamo perso il nostro, erm, bambino. Grazie tante davvero.]

[Halibel: Wooow, che sincerità. Accetterò con gratitudine I vostri ringraziamenti perché mi fanno felici, tuttavia.]

 

Vedendo che Subaru e Rem chinavano velocemente il capo, Halibel sorrise gioiosamente. Comunque, dopo ciò, mentre aveva ancora un sorriso in volto, puntò il kiseru che aveva in mano verso Subaru e disse,

 

[Halibel: Okay, accetto i vostri ringraziamenti. Tuttavia, devi smetterla con quei discorsi fastidiosi. È davvero imbarazzante da parte di Su-san chiamarmi Halibel-san a questo punto. Rem-chan, anche tu. Se potessi smetterla con quell ‘Halibel-sama’ ora ed essere più informale con me, mi renderebbe felice.]

 

[Subaru: ……Sì, capito. Grazie, Hal-san.]

 

[Rem: Vedrò quello che posso fare, Halibel-sama.]

 

[Halibel: Tua moglie è davvero testarda!]

 

Halibel alzò le mani per arrendersi a Rem, che insisteva testardamente sul tenere gli onorifici. Allora Halibel accese il kiseru che teneva con le sue mani alzate, e lo mise in bocca. Poi lo fumò.

 

Quando Subaru vide il fumo salire, fece uno sguardo amareggiato.

 

[Subaru: Hal-san. Il tabacco può danneggiare il corpo di una donna incinta, quindi da ora in poi è vietato fumare in questa casa.]

 

[Halibel: Ohh, non preoccuparti. Il mio non è tabacco, a differenza di un normale kiseru. Il mio è come una medicina. Viene usata dagli shinobi.]

 

[Rem: Medicina, dici?]

 

[Halibel: Sì. Se non la fumassi regolarmente, morirei. Hahh, e allora saremmo tutti spazzati via.]

 

[Subaru: E ricominci con le battute sul venire spazzati via……!]

 

La sua scusa suonò come una battuta, ma l’odore del fumo che si diffondeva fece pensare a Subaru altrimenti. L’odore del fumo che Halibel espirava era certamente differente da quello che chiameresti tabacco, sebbene Subaru non ne fosse un esperto. Non odorava di tabacco, ma di medicina──ma non avrebbe fatto bene al corpo di una madre comunque.

 

[Subaru: Comunque, evitalo quando Rem è qui. Se ci sarà mai un momento in cui non saprai che decisione prendere, potresti aiutare nostro figlio morendo coraggiosamente.]

 

[Halibel: Ma mi hai appena detto che sono un salvatore!]

 

[Subaru: Essere un salvatore e un fumatore sono due questioni differenti. Vai a fumare vicino alla finestra.]

 

Halibel venne mandato dal centro del tatami al lato, espirò del fumo fuori dalla finestra con un’espressione imbronciata. E poi, con i suoi occhi sottili, guardò Subaru che aveva protetto sua moglie e suo figlio e disse,

 

[Halibel: Mettendo da parte la questione del bambino come qualcosa che deve essere gestito tra marito e moglie…… parliamo un po’ di più di quello che è successo la scorsa notte, possiamo?]

 

[Subaru: Mm, va bene.]

 

[Halibel: Quindi, prima di tutto voglio che mi parliate della persona della scorsa notte. Hai idea di chi sia quella ragazza?]

 

[Subaru: ────]

 

Cominciò a parlare della scorsa notte, e Subaru esitò a rispondere alla sua domanda sul conoscere la colpevole.

 

Non aveva mai visto quella donna dalla presenza tagliente prima d’ora. In verità non si conoscevano. Eppure, non è che non avesse idea del perché li avesse attaccati.

 

La donna stava chiaramente seguendo Subaru e Rem. Non era un caso in cui erano stati sfortunatamente trascinato in un attacco indiscriminato, dal momento che erano stati aggrediti non una ma due volte, e lei li aveva inseguiti fino a casa.

 

C’era solo una ragione per cui potevano essere inseguiti da qualcuno così assetato di sangue──doveva essere perché Subaru e Rem stavano vivendo da soli insieme.

 

[Subaru: St……]

 

[Halibel: St?]

 

Subaru mosse le guance rigide e le labbra, e provò ad accennare a chi potesse essere. Ciononostante, la paura che Subaru avrebbe dovuto dimenticare tornò, e continuò a squarciargli la mente appena provò ad aprire il coperchio delle sue memorie.

 

──In realtà, non se ne era dimenticato. Mai.

 

La paura era ancora attorcigliata intorno a Natsuki Subaru come catene di rimpianti.

 

[Subaru: ────]

 

Anche le prime due lettere della parole che aveva provato a pronunciare erano insopportabili per la sua lingua.

 

Vedendo Subaru comportarsi così, Halibel giocava impazientemente con i suoi baffi con le dita. E poi,

 

[Rem: ──Subaru-kun, la colpevole della scorsa notte non è chi tu pensi che sia.]

 

[Subaru: Rem?]

 

[Rem: So quello che stavi provando e pensando in questo momento. E non penso che tu abbia ragione……sì, è quello che dirò.]

 

C’era un’inaspettata divergenza nelle loro opinioni. Subaru invece spalancò gli occhi alle parole di Rem, che fece quella constatazione. Lei fece un cenno con il capo a Subaru, e Halibel gli diede uno sguardo serio.

 

Ricevette quello sguardo a testa alta, e Halibel aprì leggermente uno dei suoi occhi e disse,

 

[Halibel: Non dovresti mentire per prenderti cura di Su-san. So che non sembra convincente da parte di uno che si riferisce a se stesso come playboy, ma non stiamo giocherellando qui. È una questione di vita o di morte.]

 

[Rem: Non sto mentendo. Io……Io ho il naso per sentire l’odore di quel nemico. Non ho percepito niente in quella persona la scorsa notte. Quindi la colpevole non ha nulla a che fare con chi sta pensando.]

 

[Halibel: ──. Quanto è affidabile il tuo naso?]

 

[Rem: Posso stare con Subaru-kun ora grazie al mio naso.]

 

Quelle parole non giustificavano nulla. Eppure, vennero dichiarate con così tanta confidenza che non sembrava fosse così. Come risultato, Halibel reagì un po’ in ritardo.

 

Nel frattempo Rem portò le braccia di Subaru verso di lei, e le abbracciò fermamente.

 

[Rem: Ecco la prova.]

 

[Halibel: Su-san e Rem-chan davvero sono dei……vicini che danno problemi.]

 

[Subaru: ……Disse il ragazzo che ha tenuta nascosta la sua identità.]

 

[Halibel: Non sono stato in grado di nasconderla però. Ma hai ragione. Allora immagino che siamo vicini di casa sulla stessa barca. Siamo fra amici qui, quindi andiamo d’accordo e lavoriamo insieme.]

 

Halibel sorrise improvvisamente, e guardò davanti a lui le due persone dopo aver suggerito loro di collaborare. Le sue parole sorpresero Subaru, e con Rem si guardarono l’un l’altra. Non capivano il suo vero obbiettivo.

 

Il più forte di Kararagi li avrebbe aiutati in una situazione in cui non avevano alleati ed erano stati presi di mira da un nemico di sconosciuta affiliazione. Era una proposta accattivante, ma prima di saltarci dentro a piè pari voleva conoscere le intenzioni di Halibel.

 

Cosa aveva da guadagnarci nel supportare Subaru e Rem in questa situazione?

 

[Subaru: Non capisco perché ci aiuteresti così tanto……]

 

[Halibel: Non insistere sulle cose complicate. Quell’anziano mi ha chiesto di prendermi cura di voi ragazzi, e inoltre non avete amici. Dare molta attenzione ai pro e ai contro è una parte di Kararagi, comunque perdere amici è una perdita estremamente pesante. Non è soltanto naturale per me comportarmi in modo da non perderne?]

 

Halibel disse ciò, e fece un gesto simile ad un occhiolino come era solito. Non era sicuro se fosse un occhiolino perché entrambi I suoi occhi erano sempre strizzati come occhi a fessura.

 

Tutto del suo atteggiamento mancava di serietà, e quindi non sembrava che ci fosse una ragione subdola dietro al perché delle sue azioni. Tutto del carattere di Halibel era disinteressato, e ciò lo rendeva chi era.

 

Era esattamente la ragione per cui gli credeva e percui non pensava che gli stesse dicendo una bugia che gli avrebbe fatto piacere sentire.

 

[Subaru: Capisco. Grazie molte per le tue parole. Faremo tanto affidamento su di te.]

 

[Halibel: Sì, chiedimi pure quello che ti serve. Una volta che sarete diventati genitori, non potrete lamentarvi comunque con il bambino qui. È tempo di fare affidamento su di me prima che accada.]

 

Subaru sentì un sollievo temporaneo, salvato dalla sua risposta generosa. Dopo aver annuito verso Subaru, che era finalmente sollevato, Halibel continuò dicendo, “Tuttavia.”

 

[Halibel: Non abbiamo idea di chi sia la colpevole─ questo è il nostro problema più grande.]

 

[Subaru: A tal proposito, che ne pensi di fare mille cloni e sopraffarla con la mera forza dei numeri?]

 

[Halibel: Davvero farai molto affidamento su di me huh……Inoltre, clonarmi è abbastanza il mio asso nella manica. Non posso usarlo sconsideratamente. Mille cloni sono impossibili, e sto bluffando pesantemente quando sono quattro.]

 

[Subaru: E il tuo senso dell’olfatto in quanto lupo? Forse puoi seguire l’odore del colpevole o qualcosa di simile.]

 

[Halibel: Riguardo quellooooo, ci ho provato.]

 

Halibel sbuffò a Subaru, la cui tattica del cloni era stata rifiutata e che aveva suggerito un piano alternativo. Mentre muoveva il naso nero ad annusava l’aria disse,

 

[Halibel: Che strano. Non riesco più a sentire l’odore di quella ragazza. Se vuoi sfuggire al mio naso, devi sbarazzarti del tuo odore in maniera pittosto curata……Immagino che sia semplicemente così abile.]

 

[Subaru: Questo significa che ha preso delle contromisure contro Hal-san.]

 

In questa situazione, la cosa terrificante era il meticoloso piano della donna.

 

Riguardo la sequenza di eventi della scorsa notte, che Halibel fosse diventato alleato di Subaru e Rem era ancora un’informazione non confermata. Comunque la donna si era preparata perfettamente per quel fattore incerto, e aveva attaccato.

 

Un attacco notturno dopo che le persone avevano lasciato libera la strata, e un attacco a sorpresa dove lei lo aveva inseguito fino a casa──in un certo senso, questi attacchi non corrispondevano in meticolosità, specialmente nel secondo caso dove avevano scambiato addirittura delle parole fino ad un certo punto.

 

[Halibel: Di base, ora dovremo aspettare e vedere. In questo modo non verranno fatti sacrifici innecessari, sebbene ne abbia parlato con la polizia della città giusto in caso. Sarebbe problematico se la città venisse ricoperta di cadaveri dopo aver ingaggiato in una lotta sconsiderata.]

 

[Subaru: Ha senso sgomberare la gente. Pensi che la troveranno?]

 

[Rem: Non dovresti aspettarti troppo, penso. Dovrei semplicemente prendere iniziativa e agire.]

 

[Subaru: Non dovresti assolutamente farlo.]

 

Subaru rigettò la debole opinione di Rem con parole forti.

 

Sebbene non ci fossero ancora cambiamenti evidenti nel suo aspetto, Rem era incinta. Non le avrebbe permesso di trascurarsi. Voleva anche che si prendesse una pausa dal suo lavoro alla Scuola Elementare del Tempio e riposarsi a Casa.

 

Allora, Subaru ebbe improvvisamente una realizzazione.

 

[Subaru: ……Cazzo. Cosa faccio con il lavoro?]

 

[Rem: Devo andare anche alla Scuola Elementare del Tempio.]

 

Subaru e Rem, che si erano focalizzati sulla conversazione, notarono che era quasi ora di uscire di casa per andare a lavoro, e le loro facce impallidirono.

 

Questo era un momento critico per Subaru se voleva tenere il suo lavoro, e ovviamente, lo era anche per Rem, che era una lavoratrice a tempo pieno. Le assenze dal lavoro senza avvertimenti erano senza scuse; ICD ─ informare, contattare, discutere ─ è essenziale per un lavoratore adulto.

 

[Halibel: Ahh, dovresti davvero preoccuparti ora?]

 

[Subaru: Non essere stupido. Non mi paragonare a te che guadagni senza lavorare. Avremo bisogno di mangiare, che ci sia o meno un nemico. I soldi sono necessari per permetterci del cibo. Non mancheremo nulla nella nostra vita quotidiana.]

 

Subaru rispose a Halibel, che fece un espressione scioccata, e continuò con un, “Inoltre.”

 

[Subaru: Questo è frustrante. È così oltraggioso come questo continui a scombinare il corso delle nostre vite anche se è tutta colpa sua. Non me ne starò seduto a lasciare che accada.]

 

[Halibel: ────]

 

Le loro vite quotidiane stavano ancora sconquassate dopo gli attacchi del nemico e aver respinto il pericolo. Subaru e gli altri avevano delle vite che andavano avanti anche dopo quella storia ricca di avvenimenti.

 

Pertanto, non poteva assolutamente sopportare di buttare giù ciò che avevano costruito.

 

[Subaru: Inoltre, abbiamo uno stretto budget famigliare.]

 

[Rem: E stiamo per avere un membro in più, quindi dobbiamo risparmiare.]

 

[Halibel: Che razza di minaccia è questa!? Voi due siete davvero una ridicola coppia sposata.]

 

Usarono le loro vite e il loro lavoro come una scusa, e Halibel cadde in meditazione con uno sguardo preoccupato. Quei due erano fermamente determinati. Capendo ciò, Halibel lasciò andare un profondo sospiro dalla sua grande bocca.

 

[Halibel: Il nemico probabilmente non attaccherà oggi o domani per il momento.]

 

[Subaru: Cosa te lo fa pensare?]

 

[Halibel: Ha preso delle contromisure considerando il mio naso, no? Sono giunto a questa conclusione perché non penso che sarebbe avventata e commetterebbe un errore.]

 

[Rem: Penso che abbia ragione.]

Anche Rem fu d’accordo con Halibel, che alzò un dito. Anche Subaru ne fu convinto e disse, “Capisco.”

 

Stavano pensando che il nemico non avrebbe fatto niente senza abbastanza preparazione, precisamente perché era intelligente. Si potrebbe dire che si fidassero del suo stile meticoloso, sebbene ciò non si addicesse per qualcuno che l’aveva ferito così tanto.

 

Finché seguirono la verità corrotta che giungeva dalla giusta pista—

 

[Halibel: Rimarrò con Rem-chan per oggi. In questo modo anche Su-san può rilassarsi, e può venire anche il dottore di ieri appena è necessario.]

[Subaru: ……Capito. Andrò al palazzo e parlerò con Riften-san e la proprietaria. Dirò anche alla Scuola Elementare del Tempio che Rem si prenderà un giorno libero.]

 

[Rem: ……Sì. È spiacevole, ma fallo per favore.]

 

Anche se sembrava scontenta, Rem fu d’accordo con il piano di Subaru senza opporvisi.

 

Per quanto riguardava il lavoro di Subaru, non aveva altra scelta che rivelare la situazione e aspettare la decisione di Riften e della proprietaria. Tuttavia era deprimente come il percorso a cui era stato alluso di essere promosso come impiegato a tempo pieno fosse indubbiamente lontano.

 

Comunque andando avanti con la gravidanza, Rem non sarebbe stata più in grado di lavorare alla Scuola Elementare del Tempio senza essere intralciata dal nemico. Quello solo era una certezza.

 

[Rem: Per favore, permettimi di continuare il più possibile Subaru-kun.]

 

[Subaru: ……Dovremo anche farci una bella chiacchierata a riguardo.]

 

[Rem: Okay]

 

Ora era il turno di Subaru di supportare Rem, che stava affrontando due problemi ─ il suo lavoro e la gravidanza. Così che nessun’altra cosa avrebbe torturato il cuore di Rem, anche se fosse stata giustificabile.

 

[Subaru: Va bene, sebbene sia estremamente difficile per me fare ciò…… penso… che andrò… al lavoro……!]

 

[Halibel: Dovresti lasciarlo se è così difficile per te.]

 

[Subaru: Non dirlo così casualmente, nobile immeritevole. Diventerò “quello”, sai. Da ora in poi, diventerò quello che porta a casa il pane.]

 

Disse ciò e in qualche modo si alzò dopo quasi essere stato schiacciato dal peso di essere l’uomo di casa.

 

Era… era vero. Rem aveva un bambino. Subaru stava per diventare padre.

 

Sarebbe diventato l’uomo di casa per proteggere questo posto chiamato casa Natsuki.

 

──Questi erano i pensieri che pesavano così tanto su Subaru.

 

[Rem: Abbi cura, Subaru-kun. Aspetterò il tuo ritorno a casa.]

 

[Subaru: ──Sì, ora esco.]

 

Rem, sorridendo leggermente, lasciò con gentilezza la pressione e la riluttanza che aveva per Subaru, e lo vide uscire. Dopo ciò, Subaru fece un respiro profondo, e si diresse verso l’uscita della casa. Mise la mano sulla porta, e alla fine si girò,

 

[Subaru: Hal-san, per favore prenditi cura di Rem, seriamente. Se succede qualcosa, sacrificati per favore.]

 

[Halibel: Non ho mai avuto talento nello schivare gli attacchi, ti avverto.]

 

Li salutò con la mano, fece fare quella promessa a Halibel e uscì.

 

Il vento era freddo, e il sole che sorgeva al mattino stava lentamente cominciando a brillare luminoso sulla città di Banan.

 

[Subaru: Così brillante.]

 

Probabilmente pensò che il sole del mattino fosse più brillante del solito per il suo corrente stato mentale.

 

Pensando in quel modo, Subaru cominciò a camminare verso il suo luogo di lavoro per compiere il suo dovere.

 

2

 

──Il tumulto che era continuato dalla scorsa notte ─ questa serie di eventi aveva scioccato Subaru in maniera significativa.

 

Gli era stato dato da intendere che era stato promosso some impiegato a tempo pieno a lavoro, e poi la sua vita era stata minacciata da un nemico sconosciuto per strada di notte. Una volta tornato a casa, era stato quasi ucciso dal nemico che lo aveva seguito, e, infine, era stata rivelata la gravidanza di Rem.

 

Onestamente, i principali buoni e cattivi eventi erano troppi per un giorno solo. Voleva lamentarsi.

 

Tuttavia, c’erano state molte realizzazioni felici che erano avvenute a causa del susseguirsi di eventi importanti.

 

──Innanzitutto, bisognava celebrare la gravidanza di Rem. Quella era una questione importante.

 

Come succede spesso con molti uomini, lo shock che deriva dallo scoprire inaspettatamente che la propria compagna è incinta, è incommensurabile. Anche Subaru era così scioccato che non poteva niente dire che la sua sorpresa fosse sorpresa.

 

Comunque, dopo che la prima ondata di shock si era placata, nella mente di Subaru erano rimaste la gioia pure e la gratitudine verso di Rem, quindi ne era felice.

 

I bambini dovrebbero essere amati dai loro genitori e nascere con gioia e benedizioni.

 

Anche se Subaru sapeva che questa regola non era valida per tutti i bambini, voleva credere in quell’ideale. O almeno, Subaru era cresciuto in un modo che glielo faceva credere.

 

Per questo voleva amare suo figlio. Credeva che essere amati portasse la felicità.

 

Detto ciò, essere sempre preoccupati di non essere abbastanza preparati era una questione interamente differente.

 

──E poi c’era la seconda realizzazione; si erano resi conto che erano stati benedetti con le persone intorno a loro.

 

Prima di tutto, si erano potuti stabilire nella città di Banan grazie alle connessioni che avevano stabilito attraverso la persona che avevano incontrato durante il loro viaggio. Si è sparsa notizia che hanno instaurato una connessione con Halibel, e in seguito ciò li aveva portati a sfuggire alla morte per il rotto della cuffia la scorsa notte così come questa mattina.

 

E poi lo aveva realizzato anche nella Scuola Elementare del Tempio quando era andato a riferir loro che Rem si sarebbe assentata dal lavoro.

 

[???: ──Incinta! Davvero! Wow, è fantastico!]

 

Subaru era stato ben accolto così tanto dal personale della Scuola Elementare del Tempio che era stato lui quello a comportarsi modestamente.

 

Francamente, era un affare personale di un nuovo arrivato. Era preparato a insulti quali, “La nuova insegnante femmina non sa come separare responsabilmente la sua vita private dal suo lavoro!” ma non c’era nulla di cui preoccuparsi.

 

Un altro insegnante avrebbe coperto la sua assenza, e gli venne detto che un superiore lo avrebbe informato di quello che sarebbe successo da ora in avanti. Non fece nulla se non ringraziarli. Aveva scoperto inaspettatamente la popolarità di sua moglie sul luogo di lavoro, e lo aveva reso fiero in quanto marito.

 

Così le cose non erano andate come pianificato in senso positivo, e poi Subaru andò al suo proprio posto di lavoro.

 

Doveva dire al suo datore di lavoro Riften e alla proprietaria superiore della situazione e discutere della situazione e cosa avrebbero fatto d’ora in poi. Ovviamente, questo era un problema personale. Subaru stava pianificando di discuterne quando ne sarebbe arrivata l’opportunità.

 

Ne aveva intenzione, ma──

 

[???: ──Subaru-chan, tua moglie è incinta?]

 

Tutto l’entusiasmo andò sprecato, perché sembrava che avessero già appreso la notizia altrove da qualcun altro. Per qualche ragione, lì era già ben noto che Rem fosse incinta, vedendo come veniva ricoperto di domande all’istante.

 

I suoi ricordi su cosa fosse successo non erano molto chiari, ma finì con una calorosa conclusione di “Ooh, Subaru-chan potrebbe avere una aspetto infantile, ma sembra che si dia da fare.”

 

Dopo ciò, ebbe un’altra occasione di discutere con Riften.

 

[Riften: Ho sentito della tua situazione. È una situazione piuttosto difficile in cui stare.]

 

[Subaru: S─Sì……mi dispiace. Ho dato problemi al Maestro con la mia vita privata……]

 

[Riften: Cosa? Non penso che sia un fastidio o niente. Una nuova vita significa la nascita di un nuovo cliente.]

 

[Subaru: Sei di mente fin troppo aperta..]

 

Rivelò la situazione a Riften nella stanza del tè, e il modo in cui lo accettò lo lasciò basito, più che sorpreso.

 

Vedendo Subaru reagire in quel modo, Riften continuò a parlare e disse, “Inoltre.”

 

[Riften: Ho saputo cosa è successo la scorsa notte dal Sig. Halibel. Se hai qualche pensiero per la testa, sentiti libero di parlarne. Le signorine e io ascolteremo tutto ciò che hai da dire.]

 

[Subaru: Be’…… uh, lo apprezzo. Comunque, perché lo sta facendo?]

 

[Riften: Perché mi sto comportando in maniera così gentile? Te l’ho detto, nutro grandi speranze nei tuoi confronti. Ho investito speranza in te. Ovviamente proverei di tutto per poter recuperare il valore dei miei investimenti.]

 

Il luogo di lavoro estremamente comprensivo di Subaru e le forti parole del suo capo gli stavano facendo venire da piangere. Comunque, era troppo patetico da parte apparire così, sembrava troppo viziato.]

 

[Riften: Sono sicuro che anche le signorine risponderanno in maniera garbata. È la fiducia che hai coltivato.]

 

[Subaru: ……Sono state solo due settimane.]

 

[Riften: Due settimane preziose, però. E’ tutto ciò che importa.]

 

Di base disse a Subaru che non era un grande problema, e che ora era il momento di essere ambiziosi.

 

Tutti al palazzo di Magoji divennero dei veri salvatori per Subaru in quei momenti.

 

Venne fortunatamente benedetto con salvatori, vicini, e con le persone sul luogo di lavoro.

 

La giornata tumultuosa gli aveva permesso di capire che era stato Benedetto con tantissime cose, incluso un figlio.

 

──Ancor più ragioni per la misteriosa assassina di voler lanciare delle ombre su quella felicità.

 

Per Subaru e Rem, il nemico era troppo imprevedibile. Non avevano idea del perché fossero stati presi di mira, “secondo Rem”. Eppure se quella bellissima, crudele assassina si sarebbe mostrata di nuovo.

 

Anche con Halibel, il rinomato più forte di Kararagi, non si potevano rilassare facilmente.

 

E quindi, se ne andò in fretta e tornò a casa, facendo affidamento sulla gentilezza di tutti al palazzo. Avrebbe ripagato il favore, non importa cosa. Quindi avrebbe fatto affidamento su di loro, solo per ora.

 

Le connessioni lo avevano aiutato in una questione urgente. Subaru non aveva alcuna brillante idea per i problemi rimanenti ──per le contromisure contro la donna; ma con Halibel, qualcuno che conosceva bene la città, e Rem, che aveva una grande conoscenza, forse sarebbero giunti a una conclusione.

 

Mentre dentro nutriva queste speranze, Subaru corse attraverso la strada e──

 

[???: ──Sembri come un idiota che cammina in giro da solo. Stai anche solo provando a proteggere la tua donna?]

 

──Proprio in mezzo alla strada, era convinto che Halibel si fosse sbagliato di un bel po’ con le sue previsioni.

 

 

 

 

 

 

Traduzione: Vulcan

Check: Tycho

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *